L'Umbria di tutti è solo su Umbria Tu, il portale collaborativo di informazione turistica sulla storia, gli eventi, l'arte, lo spettacolo, l'enogastronomia e gli itinerari più belli dell'Umbria.

Umbria Tu è un'iniziativa di logo archis. Invia il tuo materiale sull’Umbria alla nostra redazione e costruirai insieme a noi il tuo portale.

Seguici su Facebook! Piace a

"Estate in Umbria" di Giulia Guizzardi

LA TERRA DELL’ESTATE


“Non pretendo di essere nessuno do solo il mio meglio in quello che faccio. Spero che tutti possano apprezzare questi piccoli pezzi di anima “ scrive di sé Giulia Guizzardi nel suo sito web. I suoi scatti raccontano, con l’entusiasmo e la semplicità che caratterizzano le emozioni più autentiche, i paesaggi e le scene di vita che hanno saputo stregare e appassionare una ragazza “umbra d’adozione”, entrando a far parte dei suoi primi photoset e dei suoi studi sulle tecniche di inquadratura. L’estate in Umbria, lontano dagli stabilimenti balneari e dal traffico delle autostrade, si presenta in questa photogallery come un periodo ideale per recuperare il contatto con le radici storiche e con le bellezze naturali della terra umbra, che Giulia ci presenta in un breve viaggio tra profili di antiche architetture, tramonti coloratissimi e ulivi accarezzati dal sole.

 

 

“Mi chiamo Giulia Guizzardi e ho vent'anni, inutile dire se troppi o troppo pochi per dedicarsi a un'arte che ancora fa fatica ad essere riconosciuta come tale. La fotografia per me non è un susseguirsi di scatti che rendono i momenti immortali, ma sono vedute d'immagine del mondo che rubi per non lasciartele sfuggire, perché si sa che la prossima volta non ci saranno più.  Non solo Natura e piccoli pezzi di storia, ma amo ritrarre anche amiche/amici, insomma i più coraggiosi che si mettono in gioco per permettermi di dar vita ad alcune tra le mie idee. I miei progetti vertono sull'università – frequento il primo anno di Scienze della Comunicazione - e sul mio sogno di diventare una giornalista.

 

In questa photogallery sono presenti scatti tratti dalla mia ultima serie, dedicata all'estate umbra. Mi sono mossa tra Terni, Narni, Todi e Orvieto prediligendo alcuni soggetti di interesse architettonico in un lavoro di tagli di inquadrature che mi ha permesso di studiare e di migliorare in parte la mia tecnica. Ho deciso di lavorare su questi paesaggi perché sono quelli che mi danno maggiore soddisfazione e credo che, nonostante ci siano fotografi che hanno ormai provato tutto, sui paesaggi e sugli scorci ci sia ancora qualcosa da dire, con un po' di fantasia.

 

Ho scelto di depositare il mio amore lì, tra il picco perugino e la conca ternana, a metà tra un fidanzamento (vero!), e un innamoramento spirituale per la terra. Ho sempre avuto un forte attaccamento per la natura, per la Terra nel vero senso della parola, quella forza immateriale e potentissima che non ci abbandona mai nonostante l'asfaltamento dell'anima umana.

D'altro canto però non posso far altro che ammirare anche l'opera dell'uomo o, per meglio dire, di un uomo molto lontano da questo presente,  che ha costruito con mezzi inferiori opere che noi non saremo più in grado di creare senza distruggere la natura. Era un uomo diverso forse, un uomo più sensibile.

 

Segni del passaggio di qualcosa di magico, i borghi come quelli che ho ritratto sono dei piccoli gioielli che in Umbria si lasciano trovare dappertutto, offrendomi spunti sempre nuovi per la fotografia e non solo. Credo che proprio per questo ogni piccola incastonatura nell'Appennino Umbro sia una pietra unica, con un taglio tutto particolare che è doveroso immortalare. Ecco perché la mia passione per la fotografia qui ha potuto avere libero sfogo; ecco perché qui mi sento ispirata dai millenni di storia, dai picchi scoscesi e non mi stancherò mai di ritrarre ogni piccolo particolare, come ogni grande veduta, di questa splendida terra .”

 

 

Commento di Francesca Mattonelli

 Presentazione e fotografie di Giulia Guizzardi



CONDIVIDI
Architettura contemporanea in Umbria

ARCHITETTURA CONTEMPORANEA: LABORATORIO UMBRIA


Dalle opere delle archi-star alle realizzazioni ideate da giovani progettisti. L’Umbria dispone di un significativo patrimonio di architetture che risaltano per le scelte linguistiche schiettamente contemporanee. Opere recenti, spesso sconosciute al grande pubblico, che cercano di dare qualità al paesaggio urbano

 

l’Umbria del Novecento non è ricca solo di architetture neogotiche o neorinascimentali, tanto che il suo nome ricorre sistematicamente in qualsiasi indice dei nomi e dei luoghi dedicato all’architettura italiana della ricostruzione. Percorrendo le strade dell’Umbria, capita d’imbattersi in architetture silenziose, che tradiscono un impegno e una passione in un certo senso imprevedibili: architetture schiettamente contemporanee  quanto sconosciute al grande pubblico.

 

Archi-tour

LE OPERE  D’AUTORE  IN UMBRIA

 

BASCHI

Francesco Cellini   Ampliamento del Cimitero civico

Francesco Cellini   Ampliamento del Cimitero di Civitella  del Lago

Francesco Cellini   Circolo di canottaggio

Francesco Cellini   Sistemazione di piazza Italia e piazza Municipio

 

BASTIA UMBRA

Gian Carlo Leoncilli Massi   Palazzetto dello sport

 

CITTÀ DELLA PIEVE

Mario Botta   Liceo scientifico

 

CITTÀ DI CASTELLO

Aldo Rossi   Complesso commerciale-residenziale ex Sogema

 

CORCIANO

Renzo Piano   Quartiere  Il Rigo

 

 

FOLIGNO

Massimiliano Fuksas  Chiesa  di San Giacomo

Paolo Portoghesi   Tribuna  dei figuranti della Quintana

Arrigo Rudi   Biblioteca comunale

Enzo Zacchiroli    Palazzo dei Servizi Postali e Telegrafici

 

GUBBIO

Pietro Derossi   Centro polivalente di San Benedetto

Gae Aulenti   Sistemazione di piazza San Giovanni

Laura Thermes   Centro commerciale della Piaggiola

 

NOCERA UMBRA

Paolo Portoghesi   Terme del Centino

 

ORVIETO

Massimiliano Fuksas Ampliamento del cimitero civico

Francesco Cellini Centro multifunzionale

 

PERUGIA

Francesco Cellini   Recupero  della Stazione di Sant’Anna

Vittorio De Feo   Complesso residenziale di via Chiusi

Vittorio De Feo   Edicola votiva nell’ex conservificio Drommi

Jean Nouvel   Stazioni e linea del Minimetrò

Aldo Rossi   Centro direzionale di Fontivegge

Italo Rota   Info-Point della rocca Paolina

Italo Rota   Mediateca di San Sisto

Luca Scacchetti   Complesso residenziale a Ponte San Giovanni

Paolo Zermani   Chiesa di San Giovanni Apostolo

 

SPOLETO

Gian Carlo Leoncilli Massi   Restauro di Palazzo Zacchei-Travaglini

Gian Carlo Leoncilli Massi   Farmacia Amici

Costantino Dardi   Restauro della rocca Albornoziana

 

TERNI

Carlo Aymonino   Piazza  dei bambini e delle bambine

Vittorio De Feo   Quartiere Clai

Paolo Portoghesi   Chiesa di Santa Maria della Pace

 

TREVI

Massimo Carmassi   Complesso scolastico

 

 

Bibliografia

Breve guida ad alcuni testi sull’architettura contemporanea in Umbria:

 

Guida all’architettura moderna. Italia. Gli ultimi trent’anni, a cura di Giorgio Muratore, Zanichelli Editore, Bologna 1988.

 

Sergio Polano, Guida all’architettura italiana del Novecento, Electa, Milano 1991.

 

Architettura contemporanea in Umbria. Nuove tendenze, a cura di Adriana Soletti e Paolo Belardi, Università degli Studi di Perugia, Perugia 1996.

 

Paolo Belardi, L’architettura 1969-1980, in Terra di Maestri. Artisti umbri del Novecento 1969-1980, a cura di Antonio Carlo Ponti, EFFE Fabrizio Fabbri Editore, Perugia 2006, pp. 69-75.

 

Mario Pisani, Lineamenti di storia dell’architettura contemporanea. Umbria 1981-2000, in Terra di Maestri. Artisti umbri del Novecento 1981-2000 e ultime generazioni, a cura di Antonio Carlo Ponti, EFFE Fabrizio Fabbri Editore, Perugia 2007, pp. 71-89.

 

Dalla ricostruzione al futuro. Architetture e infrastrutture in Umbria, allegato a “Casabella”, 758, 2008.

 

 

Tratto da: Fuaiè Revue

AAVV

Fotografie: Archivio Archis, Mariano Bonpensa, vari

 

CONDIVIDI
  
pagina 1 di 4 su 7 risultati