L'Umbria di tutti è solo su Umbria Tu, il portale collaborativo di informazione turistica sulla storia, gli eventi, l'arte, lo spettacolo, l'enogastronomia e gli itinerari più belli dell'Umbria.

Umbria Tu è un'iniziativa di logo archis. Invia il tuo materiale sull’Umbria alla nostra redazione e costruirai insieme a noi il tuo portale.

Seguici su Facebook! Piace a

Perugia oggi

PERUGIA OGGI

 

una sintesi di nuovo e antico dove ognuno ritrova le proprie radici.

 

 

La Perugia di oggi raccoglie in se una pluralità di significati: una città moderna e cosmopolita, conosciuta in tutto il mondo per le sue manifestazioni culturali e la sua Università per Stranieri; ma è anche la città del silenzio che si lascia ammirare nei suoi mille angoli in cui passato e presente si integrano e creano un'atmosfera indimenticabile.

 

Qui il passato non è “passato”, ma è un’eredità custodita con grande cura dalla gente che rivive e fa rivivere le tradizioni storiche e culturali della propria terra. Nella pace silenziosa dei suoi angoli di tranquillità, riemergono le mai sopite sensazioni originarie, le atmosfere familiari e la forza delle tradizioni. Il tutto in una sintesi dove il nuovo e l’antico si fondono e dove ognuno ritrova le proprie radici.

 

Una città a più strati, ove il semplice turista coglie solo gli aspetti superficiali, mentre il visitatore attento riesce ad andare oltre, comprendendo gli elementi più caratteristici e significativi di una città che del silenzio, della discrezione, del riserbo, della moderazione, della delicatezza, ha fatto le sue virtù.

 

In un mondo moderno dominato dalla fretta e dallo stress, dove gli uomini svolgono meccanicamente le loro occupazioni quotidiane, il silenzio  ancora presente in giardini e nelle vie d'antica memoria, diventa un refrigerio e forse una necessità per respirare il profumo della nostalgia di mondi passati e di epoche svanite.

Ma una nostalgia buona, di quelle che ci ritemprano, per tornare più sereni alle nostre situazioni quotidiane ed essere uomini migliori.

 

 

 

Autore: Matteo Morrone Berlingò

Fotografie: Archivio Archis, Archivio Regione Umbria

CONDIVIDI